top of page

Spalla congelata: cos'è e come curarla

La spalla congelata, nota anche come capsulite adesiva o frozen shoulder, è una patologia dolorosa e limitante che colpisce la spalla, causando una riduzione significativa della mobilità articolare.

L'articolazione della spalla è racchiusa in una capsula di tessuto connettivo. La capsulite adesiva si verifica quando questa capsula si ispessisce e si stringe attorno all'articolazione della spalla, limitandone il movimento.


Qual'é la causa?

La causa esatta della spalla congelata non è ancora completamente compresa dagli esperti medici. Tuttavia, alcuni fattori di rischio noti includono lunghi periodi di immobilizzazione della spalla, diabete mellito, ipotiroidismo, interventi chirurgici alla spalla o infezioni, malattia di Parkinson, e stress fisico o emotivo.


Come si manifesta?

La spalla congelata si manifesta principalmente in tre fasi: la fase acuta, la fase adesiva, e la fase di risoluzione.

Durante la fase acuta della capsulite adesiva, il dolore insorge improvvisamente e può essere intenso, rendendo difficile lo svolgimento di alcune attività quotidiane, questa fase dura da 2 a 9 mesi.

Durante la fase adesiva della frozen shoulder il dolore potrebbe diminuire; tuttavia la spalla diventa sempre più rigida fino a quando la mobilità articolare risulta molto limitata (questo è il motivo per cui viene denominata "spalla congelata") e diventa sempre più difficile usare la spalla nelle attività della vita quotidiana. Questa fase dura dai 4 ai 12 mesi.

Nella fase di risoluzione, i sintomi della capsulite adesiva migliorano lentamente e la mobilità articolare viene recuperata gradualmente. Questa fase dura dai 5 ai 24 mesi.

Come si cura?

L'approccio terapeutico della spalla congelata deve basarsi su una valutazione specialistica e su un piano di trattamento personalizzato, in base alle necessità individuali del paziente.

È importante una tempestiva diagnosi nella fase acuta della frozen shoulder e un conseguente trattamento antinfiammatorio che spesso comprende anche un ciclo di infiltrazioni con corticosteroidi.

Durante la fase adesiva della spalla congelata è importante iniziare tempestivamente la fisioterapia, con lo scopo di limitare la perdita di movimento articolare. Con manipolazioni manuali, stretching ed esercizi per la spalla, il fisioterapista ti aiuterà a migliorare la mobilità articolare, ridurre il dolore e prevenire le ricadute.

Il percorso di terapia è piuttosto lungo per questa patologia. È importante mantenere una certa costanza nei trattamenti e proseguire anche in autonomia con gli esercizi appresi, fino al massimo recupero articolare possibile.

Se si interrompe la fisioterapia troppo precocemente, si rischia di incorrere in deficit di mobilità della spalla permanenti.

In questi casi può essere indicato un intervento chirurgico.


Che esercizi si possono fare per migliorare la mobilità della spalla congelata?

Gli esercizi di stretching per la spalla possono essere utili per migliorare la mobilità articolare, ridurre il dolore e prevenire le ricadute.

Una serie di esercizi comunemente prescritti includono: l'estensione con un bastone (con il supporto di un bastone, il paziente solleva gradualmente il braccio), la rotazione interna ed esterna della spalla, il cosiddetto "spider walk" (dove si cammina con le dita della mano risalendo più possibile lungo una parete).


In sintesi, la spalla congelata può essere una patologia debilitante e limitante per i pazienti colpiti. Tuttavia, con la diagnosi precoce e l'approccio terapeutico adeguato, è possibile gestire efficacemente questa patologia dolorosa e riprendere gradualmente la normale attività quotidiana.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page